S.O.S. parole

B

biodegradabile

Una sostanza o un materiale è biodegradabile quando si degrada naturalmente, cioè può facilmente essere “demolito” (ridotto a pezzettini sempre più piccoli) da batteri e microorganismi presenti nell’ambiente in sostanze via via più semplici, come acqua e anidride carbonica, fino a dissolversi (almeno ai nostri occhi).

biodiversità

La varietà degli esseri viventi che popolano la Terra. A causa del cambiamento climatico la biodiversità sta diminuendo, perché alcune specie non riescono ad adattarsi.

C

cambiamento climatico

Vedi riscaldamento globale.

Vanno sotto il nome di “cambiamento climatico” tutte quelle modificazioni del clima che derivano dal fatto che sulla Terra fa sempre più caldo. Rientrano nel cambiamento climatico le temperature sempre più alte in luoghi come i Poli e le regioni polari, ondate di caldo ma anche di freddo, lunghi periodi di siccità e fenomeni meteo volenti, come uragani, alluvioni e bombe d’acqua, che sono sempre più frequenti.

cetacei

I più conosciuti sono balene, balenottere, capodogli e delfini. Anche se sguazzano nell’oceano, non sono dei pesci, ma dei mammiferi, infatti portano i loro piccoli nella pancia, come noi umani, e poi li allattano.
Non hanno le branchie e respirano aria: lo fanno quando tornano in superficie dopo un’immersione più o meno profonda, attraverso buchi che corrispondono alle nostre narici e che chiamiamo sfiatatoi.

D

democrazia

In greco significa “potere del popolo”. È una forma di Stato in cui il potere è esercitato dall’insieme dei cittadini, che raggiunta la maggiore età possono votare. Negli Stati democratici sono rispettati i diritti umani (vedi) e i principi di uguaglianza e libertà.
Nelle democrazie dirette i cittadini votano e prendono direttamente le decisioni che riguardano la vita comune, per esempio approvano o bocciano una legge.
Nelle democrazie indirette (o rappresentative), per mezzo delle elezioni, i cittadini votano dei rappresentanti che rimaranno in carica per un certo periodo e prenderanno le decisioni al posto loro.

diritti umani

I diritti umani sono quelli che ogni uomo e ogni donna ha in quanto essere umano, per il solo fatto di esistere: sono infatti diritti che abbiamo fin dalla nascita e che nessuno ci può togliere (sono cioè “inalienabili”). Sono, per esempio, il diritto alla vita, alla libertà, a un’esistenza dignitosa.
Comprendono sia diritti civili (che riguardano cioè l’individuo), come la libertà di pensiero, di religione, di associazione, il diritto a non essere torturato ecc.; diritti politici, come il diritto di voto; diritti sociali, come il diritto ad avere un lavoro e un’istruzione.

discriminazione

“Discriminare” significa trattare diversamente qualcuno, considerandolo inferiore e negandogli gli stessi diritti che hanno gli altri altri. Questo può avvenire per vari motivi: per esempio, nella storia sono stati vittime di discriminazione le persone di colore, le donne, le minoranze linguistiche e religiose ecc. La discriminazione è il contrario dell’uguaglianza, cioè riconoscere che tutti abbiamo gli stessi diritti e siamo uguali davanti alla legge indipendentemente dal sesso, dalla religione, dall’appartenenza a un gruppo etnico ecc…

disobbedienza civile

La disobbedienza civile è una forma di “lotta pacifica” che consiste nell’infrangere volutamente una legge che viene ritenuta ingiusta, perché non rispetta i diritti fondamentali dell’essere umano: esempi famosi di disobbedienti civili sono stati Martin Luther King e Rosa Parks, che hanno “disobbedito” alle leggi che ai quel tempo erano in vigore negli Stati Uniti e che discriminavano le persone di colore.

dissesto idrogeologico

Con dissesto idrogeologico ci si riferisce a frane e alluvioni (quando un fiume esce dagli argini e allaga il territorio intorno), che sono la conseguenza di un degrado del suolo: questo è dovuto in parte a cause naturali (per esempio piogge intense), ma soprattutto all’attività dell’uomo. In particolare, il disboscamento e la cementificazione (cioè la costruzione massiccia e incontrollata di nuovi edifici) privano il terreno dell’azione protettiva degli alberi, che trattengono il suolo con le loro radici.

E

economia circolare

È un nuovo “modello” di economia che parte dall’idea che le risorse del pianeta non sono infinite (quindi non possiamo continuare a prelevarle dall’ambiente in modo massiccio e sprecarle) e che dobbiamo ridurre i rifiuti che produciamo. In questa economia un prodotto, giunti al termine della sua vita, non viene semplicemente buttato via, ma riciclato per ottenere nuove materie prime, che vengono rimesse nel ciclo produttivo, riutilizzandole per produrre un nuovo oggetto

ecosistema

Un ecosistema è l’insieme delle componenti viventi (animali, piante ecc…) e non viventi (terreno, luce, calore…) che si trovano in un ambiente (per esempio un bosco, uno stagno, un prato). All’interno di un ecosistema ogni elemento non è indipendente, ma legato a tutti gli altri da relazioni e scambi di materiale ed energia (per esempio attraverso la catena alimentare). In ogni ecosistema esiste quindi un equilibrio molto delicato tra tutti gli elementi che lo formano: i cambiamenti che riguardano un elemento hanno conseguenze su tutto l’ecosistema. Per esempio: se l’uomo dà la caccia a un predatore facendone diminuire sensibilmente il numero, aumenteranno le prede che prima erano mangiate da quel predatore, rompendo l’equilibrio di quell’ambiente.

G

gas serra

I gas serra, o gas ad effetto serra, sono alcuni gas che si trovano nell’atmosfera, come per esempio il VAPORE ACQUEO (H2O), l’ANIDRIDE CARBONICA (CO2) e il METANO (N2O). Questi gas sono in grado di catturare e quindi di assorbire parte del calore dei raggi del sole. La loro caratteristica positiva è che mantengono una temperatura piacevole, che ci permette di vivere sulla Terra, ma se aumentano troppo, come sta succedendo negli ultimi anni, provocano il riscaldamento globale e di conseguenza un sacco di problemi per il pianeta.

I

inclusione

Questa parola deriva dal verbo “includere”, che è il contrario di “escludere”. Vuol dire quindi accogliere tutti senza fare differenze (di età, tra maschi e femmine, tra chi ha capacità e bisogni diversi, tra ricchi e poveri, tra religioni, lingue e provenienze diverse), ma facendo attenzione e rispettando i bisogni di ciascuno. Perché stare insieme migliora e arricchisce la vita di tutti.

M

mafia

Con la parola mafia si indica la criminalità organizzata, cioè persone che commettono reati di vario genere non una volta, spinti per esempio dalla rabbia, ma in modo ripetuto, all’interno di un’organizzazione che si propone come un’alternativa allo Stato. A seconda della zona in cui si trova, ha nomi diversi: Cosa Nostra in Sicilia, Camorra in Campania, ‘Ndrangheta in Calabria, Sacra Corona Unita in Puglia. Ma sarebbe sbagliato pensare che si tratti di un fenomeno solo del Sud Italia: le sue attività illecite sono presenti in tutta la penisola e in molti altrio paesi.

microplastiche

Le microplastiche sono pezzettini di plastica che misurano meno di 5 millimetri, ma che possono essere anche molto più piccoli, fino a un millesimo di millimetro.
Si creano quando la plastica viene abbandonata nell’ambiente e, sottoposta all’azione del sole, dell’acqua, della pioggia ecc., si rompe in frammenti via via sempre più piccoli.

O

ONU

La sigla ONU significa Organizzazione delle Nazioni Unite, un’associazione nata subito dopo la Seconda Guerra Mondiale, nel 1945, per favorire la pace e il dialogo fra gli Stati. Oggi vi aderiscono 193 Paesi del mondo. Il suo obiettivo principale è promuovere lo sviluppo umano in tutte le sue forme, in armonia con il pianeta. La strada per raggiungerlo è indicata nell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.

P

patrimonio mondiale

Individuato e protetto dall’UNESCO, comprende più di 1100 luoghi e opere dal grande valore culturale (Patrimoni culturali), naturalistico e ambientale (Patrimoni naturali) oppure da un mix delle due cose (Patrimoni misti e paesaggi culturali) che costituiscono un vero e proprio tesoro per l’umanità intera. È un bene comune, cioè di tutti.
I Patrimoni culturali possono essere anche di tipo “immateriale”, per esempio tradizioni, lingue, piatti tipici, sport…

profugo

È una persona che è stata costretta a lasciare la sua casa, la sua terra, il suo Paese a causa di guerre, di disastri ambientali (per esempio terremoti o alluvioni) o perché è perseguitato. Quando una persona è perseguitata significa che chi governa nel suo Paese cerca di danneggiarlo, anche di incarcerarlo, in certi casi mette addirittura a rischio la sua vita, perché magari appartiene a un gruppo etnico diverso, o crede in una religione diversa, o ha idee politiche diverse.

R

referendum

È uno strumento di democrazia diretta (vedi), cioè una votazione in cui i cittadini non eleggono i propri rappresentanti, ma prendono direttamente una decisione che li riguarda.

resiliente

Si dice che qualcosa o qualcuno è resiliente quando è capace di riprendersi da una crisi e di adattarsi ai cambiamenti, anche grandi. Per esempio, si parla di agricoltura resiliente, cioè di un’agricoltura che è capace di adattarsi ai cambiamenti climatici; oppure di città resilienti, in grado di riprendersi da una catastrofe naturale.

rifugiato

È una persona che, per la paura di essere perseguitato per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza a un gruppo sociale o per le sue opinioni politiche, oppure in seguito a una guerra o a catastrofi naturali, si trova fuori dal suo Paese di origine e non può o non vuole tornare e trova ospitalità in un Paese straniero che riconosce legalmente il suo “status di rifugiato”.

riscaldamento globale

Negli ultimi 200 anni la temperatura sulla terra è aumentata in modo preoccupante: questo fenomeno viene chiamato riscaldamento globale. Globale significa proprio che riguarda tutto il globo terrestre. Dato che sulla terra c’è sempre più caldo, i terreni diventano aridi (desertificazione), i ghiacciai dei Poli si sciolgono e vanno a finire nel mare, che diventa sempre più alto… Il riscaldamento globale provoca cambiamenti nel clima di tutto il pianeta. Vedi anche cambiamento climatico.

S

sicurezza alimentare

La sicurezza alimentare è la possibilità di avere sempre a disposizione, in modo continuo e a sufficienza, cibo sicuro (da un punto di vista igienico), sano e nutriente.

sostenibile

Sostenibile significa “sopportabile” per il Pianeta e per tutte le persone che lo abitano.
“Sostenibile per il Pianeta” vuol dire che non danneggia l’ambiente, cioè non inquina, non minaccia piante e animali e non contribuisce a far aumentare il cambiamento climatico.
“Sostenibile per le persone” vuol dire uguale per tutti, che aiuta chi ha bisogno, non si approfitta di nessuno e non lascia indietro nessuno.

sviluppo sostenibile

Vedi sostenibile.

Lo sviluppo sostenibile è una crescita dell’economia attenta all’ambiente e alle persone, che sta attento a non danneggiare né l’uno né le altre. Significa sfruttare le risorse che la natura ci mette a disposizione in modo responsabile, tenendo conto del fatto che non sono infinite; e significa anche combattere le disguglianze, in modo che tutte le persone di tutto il mondo possano vivere in modo dignitoso.

U

UNESCO

Questa sigla sta per United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization; l’UNESCO è dunque un’organizzazione appartenente alle Nazioni Unite (ONU) che si occupa di istruzione, scienza e cultura. La missione forse più famosa dell’UNESCO è quella di proteggere il Patrimonio Mondiale dell’Umanità (vedi patrimonio mondiale).

UNHCR

Questa sigla sta per United Nations High Commissioner for Refugees, che significa Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati: si tratta di una sezione delle Nazioni Unite (ONU) che si occupa dei rifugiati: fornisce loro protezione internazionale e assistenza materiale (cibo, sistemazioni, assistenza medica), e li aiuta a inserirsi nella società in cui sono stati accolti.